A 37 anni dalla vicenda di Vermicino dove perse la vita il piccolo Alfredo Rampi, rimasto nella memoria collettiva come “Alfredino”, siamo andati a Nettuno, provincia di Roma, per parlare con Angelo Licheri passato alla storia come l’Angelo di Vermicino, ormai anziano e disabile. Ai microfoni di Fanpage.it ripercorre la tragica vicenda e ancora non si da pace: “Il mio rimpianto resta di averlo dovuto lasciare in fondo a quel pozzo”. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui