Connect with us

Claude Shannon, 100 anni e non li dimostra

 
Oggi il doodle di google è dedicato a Claude Shannon, che nasceva il 30 aprile di 100 anni fa, nel 1916, a Petoskey, negli Stati Uniti. Nel 1936, appena ventenne, Shannon conseguì una doppi laurea in matematica e in ingegneria elettrotecnica.
Shannon è stato un matematico, ed è definito il il “padre della teoria dell’informazione”, ed infatti dobbiamo a lui la rivoluzione tecnologica del nostro secolo, in quanto applicò ai circuiti elettrici i numeri della logica booleana (0 e 1), ponendo le basi teoriche dei sistemi di codificazione, elaborazione e trasmissione digitale dell’informazione.
Nel 1948 pubblicò “Teoria matematica dell’informazione”, un testo fondamentale. Nascono così i concetti di input, output ed entropia, secondo cui più un sistema è complesso e più sono le informazioni necessarie per descriverlo (per descrivere un foglio bianco con un punto nero bastano molte meno parole di quelle necessarie per una foto piena di dettagli).
Shannon era uno scienziato molto originale e una mente vivace: dettava a memoria i suoi articoli ed era un appassionato giocoliere.
Claude Shannon era un lontano parente dell’inventore Thomas Alva Edison, per il quale nutriva una profonda ammirazione.
Era un grande appassionato del gioco degli scacchi, così scrisse un programma per un calcolatore (il maniac la sua prima macchina) nel 1956, per una partita a scacchi macchina contro uomo.
Amava il gioco d’azzardo, Claude Shannon passava molti weekend a Las Vegas con la moglie Betty, applicando le sue teorie alla roulette o al tavolo di blackjack.
A anche a lui che dobbiamo internet, al suo modo di trasmettere le informazioni, in tanti pacchetti, partendo dal bit, l’unità piccola, altra sua invenzione.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti